Una bella foto, il giusto equilibrio tra autore s soggetto

In molti sono convinti che, grazie alle nuove fotocamere digitali, anche un bambino di quattro anni potrebbe scattare delle belle foto. Ma è ben noto che i pubblicitari, pur di convicerci ad acquistare, sono capaci di coniare qualsiasi slogan ad effetto. Al consumatore non resta che essere diffidente come una Martes foina ed imparare a respingere le sirene degli spot come un erinaceus europaeus fa con i predatori.
Ed io, consumatore modello, sono voluto andare oltre la cautela tipica della faina e la chiusura classica del porcospino europeo. Son pur sempre un esemplare del moderno homo erectus che, a diffirenza degli abitanti della fauna (e perché no, anche della flora!) sono dotati di senso critico.

Così, una mattina di agosto, ho agguantato la mia “vecchia” Canon PowerShot A410, ho convocato Paoletto (mio figlio di 4anni), gli ho consegnato la fotocamera in modalità “automatica” già pronta all’uso, gli ho spiegato che doveva guardarmi attraverso il display-obiettivo e quando avrei pronunciato “ciiiiissss” avrebbe dovuto pigiare il pulsante per lo scatto.
Fiducioso, mi sono messo in posa. ed ho gridato CIIIISSS!

Paoletto iniziò a scattare, si divertiva, le sue piccole manine erano intente a stringere quel nuovo giocattolo facendo ondeggiare la PowerShot per aria come una barca in balia delle onde durante una tempesta. Temevo che fosse giunta la fine della Canon ma in fondo ero contento, vedere il proprio figlio felice è sempre una gioia per un genitore.
Dopo un minuto dovetti fermare il mio pargoletto che oramai era diventato sicuro di sé e non voleva più restituire la fotocamera. Gliela dovetti strappare dalle sue piccole tenagliette che non volevano mollare il nuovo passatempo elettronico.

Guardai l’esito di quell’esperimento. In fin dei conti il risultato non era malvagio, giudicate voi 😉

Corollario1 dell’esperimento: la realizzazione di una bella foto dipende maggiormente dalla bravura dell’autore oppure dalla bellezza del soggetto? In ogni caso non è legato alla fotocamera utilizzata che può incidere solo sulla “qualità” dell’immagine ma non certo sulla riuscita o meno di una bella fotografia.

Corollario2 dell’esperimento: a conferma del corollario1 si pensi alle foto scattate ai bimbi o ad una bella donna, tutti le apprezzano e nessuno chiede “ma con quale fotocamera è stata scattata questa foto?”.

Foto scattate da Paolo, un bimbo di 4anni
Foto scattate da Paolo, un bimbo di 4anni

PS: In genere non scrivo post autoreferenziali, oggi però è il mio onomastico e tutto è concesso al Santo 8-))

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , ,
Pubblicato su Tecnologie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: