L’ergastolo

E’ rinchuso ventiquattro ore al giorno in una gabbia senza aria, grande quanto una vasca. E’ stato condannato all’ergastolo da un non noto tribunale dell’Asia orientale ed ora, senza appello, deve scontare la sua ingiusta pena.
Non ha diritti, nessuna organizzazione non governativa tutela la sua causa, i media non sono interessanti ad approfondire questa ordinaria prepotenza che si consuma silenziosamente in ogni angolo del mondo, anche a casa mia.

Costretto a vivere la sua infelice esistenza in una cella disumana, viene privato totalmente della libertà. Non può scegliere, deve mangiare due volte al giorno, una quantità minima di cibo che gli consente la sopravvivenza.
In molti casi (anche se non esistono statistiche ufficiali), sono state riscontrate delle morti inspiegabili per “troppo mangiare”, una tortura per queste creature che, chiusi in uno spazio ristretto, davanti al cibo non riescono a fermare il loro istinto animalesco e si abboffano fino al decesso, forse considerato una redenzione.

Sto parlando dei Carassius auratus, un nobile nome scientifico per indicare una razza bistrattata e sottovalutata, i comuni pesciolini rossi.

Da qualche giorno ne abbiamo anche noi uno. L’ittiologo da cui l’ho comprato per la banale cifra di 2€ mi ha assicurato che è lui vende solo «esemplari di allevamento», vale a dire pesci che non sono stati sottratti al loro habitat naturale.
Vivere in una vaschetta è, in fin dei conti, per il nostro Abramo (così mio figlio l’ha battezzato) normale non conoscendo cosa voglia dire nuotare apertamente in un laghetto, il luogo naturale dove dovrebbe nascere e crescere beato.
Invece, il povero pesciolino rosso, per soddisfare il divertimento di noi “uomini evoluti” è condannato all’ergastolo, rinchiuso in una “cella” e ridotto ad un ornamento della cucina o del salotto.

Ogni mattina, mentre mi tiene compagnia durante la colazione, lo guardo nuotare nella sua piccola prigione. Mi ispira una forte simpatia ed allo stesso tempo una grande tristezza.

Perché non può essere libero? Forse solo perché è un «pesciolino» invece di un Panda?

In realtà, che differenza c’è tra Abramole tigri alienate presenti allo zoo di Napoli?
Nessuna.
Sto esagerando? Sono pesante? E perché?
Sono entrambi esseri viventi ridotti alla prigionia finché non moriranno, condannati all’ergastolo da noi uomini-mostro, me compreso.

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , ,
Pubblicato su Animali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: