La televisione, elettrodomestico superato

La mia è una forte convinzione: oggi, nell’era di Internet, la televisione è un elettrodomestico obsoleto.
Il problema del piccolo schermo è la TV generalista, in particolare mi riferisco ai due dinosauri Rai&Mediaset. La pay-tv sopravviverà, anche se costosa é capace di proporre trasmissioni valide semplicemente perché è una tv a tema. E’ lo spettatore che sceglie cosa seguire senza essere costretto allo zapping continuo per trovare ciò che l’interessa.

Ma questa regola non vale per tutti.

Infatti, é dimostrato da innumerevoli indagini sociali che i giovani non spendono il loro tempo libero guardando solo la televisione ma, durante la visione dei loro programmi preferiti, navigano in Rete. Hanno la capacità del multi-tasking, la mente può applicarsi contemporaneamente a più attività.
Vedrete che col tempo le future generazioni guarderanno sempre meno tv e passeranno sempre più tempo in Rete. L’apparecchio televisivo è percepito come uno strumento passivo, le nuove leve sono abituate (giustamente) a scegliere, a contribuire, a partecipare, a condividere le loro esperienze multimediali.

Eppure, nonostante questo interesse crescente verso il web, è quasi impossibile trovare un programma televisivo che parli di Internet!

Il mistero è presto svelato: basta ascoltare qualche intervista ai dirigenti televisivi.

Si noterà che, nel loro linguaggio forbito, i termini sperimentazione ed innovazione sono assenti. La loro gioia nasce nel proporre i soliti noti, gente trita&ritrita che non sa cosa sia un computer e tantomeno Internet.
Una tv vecchia capace solo di generare mostri come il Sanremo di Morandi o il patetico “Miss Italia”.

Io di questa televisione non so cosa farmene se non tenerla spenta. Ammetto, invece, che ogni giorno faccio un salto su You Tube, il sito che ha cambiato il concetto di intrattenimento. Per noi, uomini del Web, risulta naturale guardare un video musicale in streaming, recuperare un servizio che ci siamo persi in tv oppure un goal della nostra squadra del cuore. YouTube funge sia da archivio storico che da canale per proporre video di attualità, amatoriali o professionali che siano. Per me, è forse il sito che meglio incarna l’idea di WEB 2.0 a cui sono tanto legato.

Gli unici che non hanno capito nulla dell’importanza di questi siti rivoluzionari sono proprio i suddetti “manager” televisivi.
In genere, tutte le emittenti televisive ignorano il web, convinti che non parlare del loro fratello minore (in termini di età non certo di importanza) equivale ad escluderlo dall’attenzione globale.
I responsabili dei palinsesti sono talmente arretrati che non possono immaginare le potenzialità della Rete. E’ incredibile come loro, i cosiddetti esperti del settore, siano invece i meno preparati in fatto di nuovi media. I rari tentativi di portare il web in tv falliscono miseramente perché i giornalisti vorrebbero adattare la Rete alla tv, una fusione impossibile da realizzare.
E’ altresì normale che oggi la tv perda spettatori a favore del web, anche per la bassa qualità dell’informazione televisiva che asseconda i potenti perdendo di imparzialità. E così, gli assetati di news si appagano in Rete.

Ad esempio, vengono mandati in onda spesso documentari sulla guerra e sul periodo nazista. La storia raccontata con le immagini del tempo ed arricchita da testimonianze ed interviste. Programmi necessari ed interessanti ma incapaci di attirare l’attenzione dei giovani.
Difatti, il pubblico di questi servizi sono quasi sempre persone adulte e raramente ragazzi della nuova generazione.
Occorrerebbe, invece, provare anche un nuovo modo di far comunicazione sperimentare nuovi programmi e creare nuovi standard.

Vogliamo parlare dell’atrocità dei conflitti? Vogliamo evidenziare l’insensatezza delle guerre?
Invece di mandare in onda il “solito” documentario bianco e nero, costruiamo una trasmissione veloce, pragmatica, senza commenti inutili e faziosi, senza le risse degli ospiti, con videoclip e altro materiale preso da Internet.
Propongo una delle mie canzoni preferite, Samarcanda.
Che ne pensate?

 

 

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , ,
Pubblicato su TV e Media

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: