Avete mai notato il mondo che ruota intorno ad un semaforo?

Ogni giorno, nel tragitto casa-ufficio, resto fermo per alcuni minuti al semaforo di piazza Capodichino a Napoli, in un grosso incrocio che congiunge Secondigliano con la tangenziale ed il centro della città.
La mattina, nell’ora di punta, l’intera piazza è presidiata dai vigili urbani che tentano di controllare il flusso di auto pazze guidate da persone già nervose alle 7,30 e pronte a sbranarti se non scatti al verde del semaforo come nelle partenze di un Gran Premio di Formula1.

In questo quotidiano caos metropolitano, con le centraline dello smog impazzite, le ambulanze che tra veloci zig-zag cercano di liberarsi dalla morsa del traffico, motocicli che invadono i marciapiedi rischiando di investire i pochi coraggiosi pedoni, autobus pubblici bloccati e con la strada in condizione disastrosa dagli eterni lavori per terminare la famigerata sopraelevata che un giorno salterà l’incrocio (lavori in corso da più di 20anni e non ancora terminati per la presenza di un palazzo lungo il percorso!), non posso non sorridere alla vista degli extracomunitari, i veri abitanti di piazza Capodichino, che cercano di vendere di tutto agli incavolati pendolari vittime ed artefici di ordinaria aggressività.

Eppure, i giovani africani dovrebbero essere loro gli incavolati ed i tristi, arrabbiati con il mondo intero per le sofferenze e lo sfruttamento a cui sono sottoposti ogni giorno ed alle continue umiliazioni a cui il destino li ha inchiodati.
Invece, se notate, spesso quando propongono il pacchetto di fazzolettini a 50centesimi ti sorridono, quasi fossero di buon umore nonostante le tante ore in piedi per strada sotto la pioggia, il freddo o il sole bollente.

Non riesco nemmeno a pensare da quale inferno sono scappati se reputano questo stile di vita accettabile o comunque una miglioria della loro esistenza.

Qualche mese fa, in un giorno qualsiasi, fermo all’incrocio in attesa del verde, uno di loro si avvicinò per vendermi un improbabile gadget dei Calcio Napoli e mi chiese: “ehi amico, sei triste?”.
Lui che combatteva ogni giorno per sopravvivere chiedeva a me che ho “tutto” perchè ero malinconico.
Evidentemente vide nella mia espressione mattutina infelicità ma vi assicuro che non lo ero affatto. Gli risposi subito “grazie amico ma non sono triste, non ne ho motivo.” … e comprai il gadget per la simpatia che quel giovane ragazzo mi ispirò con la sua umanità.

E così ogni mattina li guardo, sono quasi sempre gli stessi ed oramai convivono con i vigili, più li osservo e più mi viene da riflettere, vedo come agiscono, quali reazioni suscitano negli automobilisti-arrabbiati, molti hanno i finestrini alzati per non essere disturbati, altri parlano con loro, alcuni offrono una sigarette di solidarietà.

Per la maggioranza degli automobilisti-incavolati gli extracomunitari che “vivono” al semaforo sono persone invisibili, quasi un fastidio e non un mondo da scoprire e capire.
Allora chi sono i mostri? Loro o la nostra indifferenza?

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , ,
Pubblicato su Società

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: