Sanremo, iniziamo a parlarne male

Puntuale come le tasse, ogni anno a febbraio ci propinano il festival di Sanremo, falsamente indicato come festival della musica italiana.
Mi chiedo: ma oramai chi se lo vede più questa trasmissione preistorica?
E poi tutti si riempono la bocca con spazio ai giovani …
Se confrontiamo le edizioni passate con l’attuale, quali differenze emergeranno? NESSUNA!

Il massimo del ridicolo con la sigla “Sanremo è Sanremo”. Appunto!

Questa sigla è proprio la firma su una trasmissione per ultra-ottantenni che di musica ha ben poco.
Lo chiamano festival della canzone italiana: se cosi fosse ogni anno per me si dovrebbe cambiare città o località, come accade ad esempio nelle tappe del Giro d’Italia nel ciclismo.
Invece no! Allora questo festival si riduce ad uno spot per Sanremo, un’auto-celebrazione del presentatore di turno drogato di TV che non riesce a staccarsi dal video (vedi Baudo), i soliti ridicoli personaggi riciclati in prima fila a far da penosa cornice, la giovane valletta emozionata e di cui tutti attendono la gaf (preparata e finta come tutto il resto).
E poi? Nessuno ascolta le canzoni, tanto i veri cantanti sono altrove.

Per questi “mostri” del video l’unica cosa che conta sono i dati AUDITEL.

Ecco, posso solo sperare che i dati di ascolto saranno bassi così decidono una volta per tutte di cancellare questo spettacolo ridicolo oppure trasformarlo in un vero festival della musica, ma ciò è impossibile perchè dovrebbero ammettere il loro fallimento.
Sarebbe chiedere troppo a questa televisione …

Non ci resta che spegnere la TV o per chi non ha questa forza cambiar canale …

MMo

 

PS: questo articolo l’ho scritto nel febbraio 2010 ma va bene ancora oggi a dimostrazione di come la tv sia ferma nel tempo!

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , ,
Pubblicato su TV e Media
One comment on “Sanremo, iniziamo a parlarne male
  1. lordbad ha detto:

    Mi è piaciuto il tuo post!

    Secondo me è comunque da qui che occorre ripartire per rifondare una società e anche una tele-visione.

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2012/02/15/sanremo-che-tristezza/

    Un saluto da Lordbad

    Vongole & Merluzzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: