Malasanità: il dolore di una famiglia

Donatella, la mamma di Giulia morta per cause ancora ignote, chiede che venga diffuso il suo accorato appello.
Accetto volentieri l’invito.


Nel corso degli anni sono state molte le definizioni di malasanità, Rosenthal nel 1995 la definiva come “una evidente e dimostrata mancanza di conoscenza e/o abilità nella conduzione della pratica clinica”. Charles Bosk nei suoi scritti del 1986 invece ricorda quanto gli errori nei reparti di medicina cambino a seconda dell’incertezza tipica delle varie discipline.

In tempi più recenti si sono sviluppati quattro concetti che devono coesistire per definire un dato evento come “malasanità”: un obbligo dovuto e violato e che tale violazione ha portato danno al paziente (che può essere sia immediato che differito nel tempo).
La parte lesa o chi per essa deve dimostrare durante il processo senza ombra di dubbio la diretta conseguenza dell’operato del medico rispetto al danno subito dal paziente mentre è compito della struttura e del medico fornire la prova contraria, dimostrando che l’operato non ha aggravato le condizioni del paziente o non ha fatto nascere una patologia nuova.

 

Giulia e Donatella

 

Quella sopra riportata è la definizione che si rinviene su Wikipedia alla voce “malasanità“.

Wikipedia non può tuttavia dare una definizione per il dolore che i frequenti casi di malasanità spargono tra noi. è il caso di Donatella, la mamma di Giulia morta non si sa bene per che cosa.

Questa ragazza sebbene soffrisse di una forma di “ipertiroidismo”, una malattia assolutamente curabile e controllabile, l’esito dell’autopsia parla di “Arresto cardiaco di ragazza in pieno benessere”.

E allora? Perchè si muore? Cosa non ha funzionato? Chi ha sbagliato?

E’ la domanda che si pone la famiglia e tanta è la disperazione per tutte le domande, ancora senza risposte, che la mamma Donatella si è posta e si pone tutte le sante mattine: “PERCHE’?”.

Riportiamo, qui di seguito, il suo grido di dolore che a noi è arrivato attraverso Facebook.
CONDIVIDETE PIU’ CHE POTETE, GRAZIE ♥

Ciao a tutti ho bisogno del vostro aiuto, sono la mamma di Giulia e come ben sapete lei ci ha lasciati il 18 maggio 2010, inutile dirvi come sto io …. come una barca in mezzo al mare! 
Ebbene a GIULIA fu fatta autopsia da cui si evince: “ARRESTO CARDIACO RAGAZZA IN PIENO BENESSERE”. Tutti gli organi erano sani tant’è che io e il papà abbiamo donato le cornee affinchè qualcuno possa vedere con i suoi occhi. 
Ora veniamo al dunque: io e il papà ci siamo rivolti ad un avvocato per sapere di cosa è morta Giulia, perchè non siamo convinti di ciò che è stato scritto sull’autopsia. L’avvocato ha provato in tutti i modi di far si che la Procura avvii un’indagine sulla sua morte, ma da parte della Procura rispondono picche e sapete perchè? Dovrebbero spendere soldi e la vita di nostra figlia non valeva niente per loro …. 
Vi chiedo a tutti un enorme favore: fate girare questa mia mail chiedendo informazione a tutti su IPERTIROIDISMO, ciò per cui era in cura Giulia (non è una malattia incurabile, è la tiroide che funziona troppo e produce troppi ormoni e pertanto è da curare). 
Ebbene lei era in cura al centro specializzato di Torino (a pagamento) e assumeva 3 tapazole al di’ ed 1/4 di Inderal (betabloccante) perchè l’ipertiroidismo provoca tachicardia; ma qui è l’assurdo: l’endocrinologo le ha prescritto Inderal senza mai farle fare un elettrocardiogramma! Allora mi volete aiutare a capire che cavolo è successo??? 
Ho inoltrato mail ad “INDIGNATO SPECIALE”, “LE IENE”, alla parlamentare Alessandra MUSSOLINI (che è l’unica che ha sempre preso a cuore questi casi), ho scritto una lettera al Presidente della Repubblica, ai quotidiani, ogni giorno scrivo e lo farò finchè al mattino aprirò gli occhi per alzarmi. 
Allora vi chiederete cosa possiamo fare? Non lo so, ma voglio far sapere a tutto il mondo che la vita di mia figlia Giulia per noi era la cosa più bella e soddisfacente del mondo e voglio, dico, voglio sapere e voglio che venga avviata un’indagine per scoprire che cosa è successo. Sono sicura che tutti i suoi amici mi aiuteranno, conto su di voi che fino ad ora mi avete tanto rincuorata e aiutata: adesso più che mai siete indispensabili. 
Vi abbraccio tutti e mi raccomando fatela girare più che potete. 
Grazie Donatella 

Pagina facebook di Donatella Giulia

 

Proposto da un amico
MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Disastri
One comment on “Malasanità: il dolore di una famiglia
  1. maria novella ha detto:

    sarebbe necessario affidarsi a un esperto medico legale che “scannerizzi” la cartella clinica e le risultanze dell’esame autoptico, al fine di verificare se vi sono state omissioni o comportamenti negligenti da parte dei sanitari, e offrire così spunti all’autorità giudiziaria.
    in bocca al lupo
    maria novella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: