Cronaca di una fantastica partita di calcio

Seduto su una panchina del parco giochi, osservo il mio pargoletto giocare con gli altri bimbi della sua età. Misuro la giusta distanza dal gruppetto di marmocchi, un intervallo equo che garantisca loro l’indipendenza e a me la sicurezza della sentinella.

Non posso non notare come – pure in tenera età (la media è sui cinque anni) – vige la dinamiche del gruppo: alcuni ragazzini si coalizzano ed altri subiscono l’isolamento, l’ingiustizia regna sovrana. Il tempo di un battito di ciglia e l’accordo salta, subentrano nuove alleanze e l’equilibrio delle forze in campo cambia radicalmente. I forti si ritrovano deboli, è l’innocente legge della jungla.

Alcune premurose mamme vorrebbero intervenire per ristabilire la pace nel gruppo; agli occhi di un adulto quei gesti prepotenti tra i pupi sono intollerabili. Trascorrono pochi instanti, la pura e semplice aggressività trova la giusta pista, le squadre sono fatte: i più piccoli in porta ed i grandi in attacco. Un calcio alla palla e torna il sorriso a tutti.

 

La forza del calcio

 

Si gioca fino all’esaurimento dell’ultima goccia di energia viva, senza pause, il primo tempo non terminerà mai. Nessun giocatore ha sete o fame. Un bimbo cade, si sbuccia le ginocchia, si rialza e torna a volare su quel polveroso e fantastico improvvisato campo di calcio.

C’è chi indossa la maglia della propria squadra del cuore, chi una semplice canottiera e chi gioca a dorso nudo. L’importante è immaginare, sognare di realizzare un gol alla Messi oppure una parata alla Buffon.

Il magico match termina col calare del sole, improvvisamente sui giovani campioni piomba una stanchezza infinita. I più piccoli piagnucolano, desiderano solo tornare a casa. Finalmente il proprietario del super santos prende la palla e va via: è il triplice fischio, la partita è finita.

Mio figlio è nero, ricoperto dal terreno di gioco. Corre verso di me e con gli occhi pieno di gioia chiede: «papà, hai visto che parata?».

Lo prendo in braccio e felici torniamo a casa.

 

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Sport

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: