Napoli, l’interpretazione del semaforo rosso? Una spia sociale

«Ma sei pazzo, perché hai frenato?» esclama lo spericolato motociclista che – per un pelo – non mi tampona. Eppure non ho commesso nessuna manovra azzardata, mi sono solo fermato al semaforo con il giallo, l’istante che precede il rosso, due secondi dopo il verde.

Sono sul corso Vittorio Emanuele, una strada perennemente intasata con negozi, scuole ed uffici sempre affollati e gli autobus che si divincolano tra due strette corsie da percorrere a velocità ridotta. Lo stress del traffico è mitigato da un panorama mozzafiato: il mare, le isole, Posillipo … incantevole. Ogni volta che attraverso questa arteria penso: «chi abita quì dovrebbe pagare il doppio dell’IMU!»

Il segreto è passare prima dell’apertura delle scuole nei giorni in cui non piove; se una delle due condizioni viene meno, meglio trovarsi un’alternativa.

Oggi sono le 7,15 del mattino, il cielo è terso e – come volevasi dimostrare – corso Vittorio Emanuele risulta libero. Tutto liscio fino allo scampato pericolo, il motociclista inviperito mi guarda minaccioso, alza il braccio in segno di sfida, mi manda a quel paese e infine scatta veloce nemmeno fosse Valentino Rossi. Appunto, il semaforo è, nel mentre, diventato rosso: un dettaglio incurante per il folle centauro.

 

Napoli, l'interpretazione del semaforo rosso? Una spia sociale

 

Guidare a Napoli richiede la conoscenza di alcune semplici regole (non scritte), soprattutto agli incroci. Per esperienza diretta posso affermare che alcuni semafori vengono “interpretati”, cioè non sempre si rispetta il rosso. In alcuni casi, lo stop viene considerato “un consiglio” piuttosto che un comando. Questo assunto tutela il napoletano dai facili incidenti: infatti, anche con il verde, l’automobilista partenopeo è diffidente. Prima di attraversare adagio il crocevia, indipendentemente dalla presenza del vigile o dal colore del semaforo, controlla sempre se giunge qualche sconsiderato dalle altre corsie.

Questo modus operandi metropolitano è il segnale palese di un forte disagio sociale: si è certi, infatti, della violazione di una semplice regola, la caducità del rosso è la spia del non rispetto del vivere civile, nessun rappresentante dello Stato a multare l’infrazione, le telecamere assenti ed i controlli inesistenti completano il quadro della maleducazione cittadina.

E così si sviluppa la naturale difesa immunitaria presente in ogni napoletano per bene, utile a combattere il virus che flagella quotidianamente la nostra città: l’ignoranza galoppante.

Tutti a chiedersi: come fermare questo «mostro» atavico?
Eppure la risposta è evidente: iniziamo a rispettare il rosso al semaforo.

 

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Società, Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: