Schiavi degli oggetti? La botta liberatrice vi salverà

«Mario, è bello il nostro nuovo bagno vero? Però, per cortesia, puoi usare quello di servizio?» è la supplica rivoltami sabato sera dalla padrona di casa.

Siamo a cena da amici, nel loro nuovo luccicante appartamento in centro città. Nell’aria è presente ancora l’odore del fresco tipico dell’ambiente immacolato. E’ tutto perfetto, lindo e pinto. La toilette poi, di un’eleganza estrema, il lavandino un piccolo gioiello, un peccato usarli.

E difatti non li uso e vengo smistato senza imbarazzi nel piccolo bagno in fondo a destra, pratico ed efficiente.

Non ho dubbi: i miei cari amici sono schiavi della casa (e delle cose).

Mentre lavo le mani nel lavabo di riserva, mi guardo nel piccolo specchio ovale, sorrido sardonico e con la mente torno dietro nel tempo.

Anno 2001 a bordo della mia nuova e luccicante Skoda acquistata da poche ore, procedo lentamente in retromarcia lungo la discesa che mi porta nel garage, la “cassaforte” dove parcheggiare il bolide appena uscito dal concessionario. Seduto alla mia destra, lato passeggero, mio fratello borbotta: «Mario stai attento al muro …».
«Tranquillo, conosco questa discesa a memor…» non riesco nemmeno a terminare la frase e sono già con la fiancata a strisciare lungo la parete!

Un rumore sordo mi conferma la botta: torno su, accosto, scendo e guardo la mia ex macchina nuova. Subito battezzata con un bel graffio bianco, ora è pronta all’uso senza timori reverenziali.

 

La botta liberatrice (poche ore dopo l'acquisto)

 

Le scarpe nuove sigillate in attesa dell’occasione giusta, la maglietta preferita chiusa nel cassetto, l’auto ferma in garage per evitare che la rubino, il bagno immacolato mentre ci si lava nel catino della nonna, la bottiglia di vino archiviata in attesa della serata esclusiva.

E poi giunge la giornata speciale: si recupera il vino dalla cantinola, la si spolvera e dopo averla stappata … sorpresa! Il vino si è trasformato in aceto, nei bicchieri scorre un liquido disgustoso. Imbevibile, lo si deve solo buttare.

Esco dal bagno, torno in salotto dai miei amici, tra un’oliva e l’aperitivo in attesa della spigola al cartoccio racconto del mio incidente accaduto dopo poche ore l’acquisto dell’auto.
«Che peccato» farfuglia il padrone di casa mentre ingurgita un bocconcino di mozzarella, sembra non intuire l’antifona.

«Eppure quell’episodio, seppur negativo, ha cancellato ogni inibizione sull’uso della nuova macchina che – in fin dei conti – resta un oggetto, uno strumento da sfruttare, da utilizzare per migliorare la vita. Che senso avrebbe avere l’auto intatta nel garage se poi devo stressarmi a piedi o peggio ancora chiedere un passaggio ad un amico?» insisto convinto.

Il mio appello cade nel vuoto, l’argomento sembra non interessare gli affamati commensali.

«Non ci pensare Mario, ormai è passato. Piuttosto, prova questa pizza, è ancora calda» bofonchia la cuoca. «Però attento al tavolo, è nuovo» aggiunge serafica.

 

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Amicizia, Società, Uomini
5 comments on “Schiavi degli oggetti? La botta liberatrice vi salverà
  1. Diemme ha detto:

    Troppo carino, rebloggo!

  2. Diemme ha detto:

    Reblogged this on Scelti per voi and commented:
    Ah, l’avessi imparata prima la cura per questa sindrome! Ora però sono guarita, completamente! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: