La Zebra avvelenata

Il gol annullato al Catania era regolare, la rete della Juventus, invece, da invalidare per fuorigioco.

Due errori arbitrali, una doppia iniezione di veleno al campionato già malato.

Il nostro calcio è moribondo, steso su un campo d’erba avvizzito subisce passivo le angherie dei poteri occulti. Eppure, dal freddi spalti di stadi semivuoti sempre meno ospitali e dal caldo salotto di casa attraverso il costoso tubo catodico delle pay-tv, milioni di tifosi alimentano l’agonizzante ed amato sport con flebo di innocente amore.

Ogni week end si spera nel miracolo: basta un cenno, anche minimo per continuare a credere, un sintomo di ripresa, un’avvisaglia di cambiamento, qualsiasi cosa pur di sperare che il malato ben presto guarirà per tornare ad essere quello di una volta.

Purtroppo, però, ogni domenica i sogni fanno a cazzotti con la malefica Zebra: la prigionia è finita, il «mostro» bianconero è di nuovo a piede libero, pronto ad ammazzare le fantasie di milioni di innocenti.

Agisce senza pietà, colpisce indistintamente bimbi, uomini e donne. E’ scatenata, dopo essere stata ferita ha perso sangue ma non è morta, si è ripresa ed oggi è ancora più spietata di ieri. E’ affamata, cinica, alimentata dall’odio cieco dei perdenti. Una belva senza nessuna regola etica, un alieno che sta ammazzando l’intero ecosistema.

 

La Zebra, lo spietato mostro bianconero

Il livello dell’attacco si è innalzato paurosamente, la Zebra è senza inibizioni, non teme la condanna, può contare su protezioni importanti e l’impunità eterna.

Ma nonostante tutto, ogni organismo quando attaccato reagisce, l’atavica legge della conservazione è il miglior scudo contro gli zoccoli insanguinati della bestia juventiva.

Colpisci «mostro», colpisci sempre più forte, gioca sporco, picchia pure, trafiggici con le tue scorrettezze ma ricorda: a noi veri tifosi, appassionati di sport, del bel calcio e del fair-play, non ci fai paura!

La nostra passione è incrollabile e resiste ad ogni colpo, anche i più sfrontati come l’ultimo uno-due consumatosi ai piedi dell’Etna.

La perfida Zebra non mollerà mai, nemmeno noi.

 

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Sport
2 comments on “La Zebra avvelenata
  1. gigi ha detto:

    il nome del tuo blog e’ proprio azzeccato.coglione

    • Mario Monfrecola ha detto:

      Non capisco il tuo commento offensivo senza nessuna motivazione valida, lo pubblico solo perché non è mia abitudine censurare nessuno.
      Comunque, è proprio vero che il calcio – uno sport – a volte tira fuori il peggio dalle persone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: