La classifica dei lavori più duri

Il professore, poche ore al giorno ma intense, «nemmeno il tempo di andare al bagno», tagli indiscriminati e precariato cavalcante, la pausa estiva necessaria per ricaricarsi dallo stress scolastico.
L’utopia dell’Attimo fuggente.

L’impiegato, troppe tempo in ufficio: all’uscita di «prigione» un salto al supermercato, incombenze varie, cena e la giornata è finita. I più resistenti si godono dieci minuti di tv-sonnifero prima di scivolare inerti tra le braccia di Morfeo sul divano del salotto.
Fantozzi docet.

Da non sottovalutare lo stress degli allenatori di calcio: da Arrigo Sacchi e Pep Guardiola (e Waltar Mazzarri?) si giunge ad un punto di non ritorno oltre il quale si rischia un duro colpo alle coronarie.
Anche i ricchi piangono.

Il libero professionista non stacca mai: avvocati, notai ed imprenditori lavorano ventiquattro ore al giorno. Pagati con assegni post-datati, vivono borderline col fisco. Pochi sfondano, la maggioranza barcolla alla ricerca perpetua del possibile colpo di ricchezza ed un presente di sacrificio.
Uno su mille ce la fa.

Chi lavora a contatto con il pubblico (negozianti, sportellisti e affini) si lamenta del consumatore folle, perennemente insoddisfatto.
Alle commesse va la mia solidarietà: sempre in piedi, infaticabili e pazienti, ci accolgono nei negozi (quasi sempre di altrui proprietà) col sorriso profumato, pronte ad ascoltare le più stravaganti esigenze. Lavorano trecentosessantacinque giorni l’anno, aperti di domenica, Ferragosto e la vigilia di Natale: non hanno scelta, la crisi non conosce pause (e nemmeno la tutela di queste tenaci dipendenti?).
Vita da fiction.

 

La classifica dei lavori più duri?

 

Che tu sia impiegato, funzionario, artigiano, operaio, minatore, tecnico, imprenditore, apprendista, garzone, contadino, intellettuale, uno sgobbone oppure una stacanovista hai una sola certezza: sei vittima di un’ingiustizia.

Perché la jungla lavorativa è piena di «mostri» sanguinari che – pur di sopravvivere – azzannano i loro stessi colleghi senza pietà: tu oppure io, scelta dicotomica tra chi resta e chi spira.
Mangia o sei mangiato ripeteva il collega in carriera finché egli stesso non divenne obsoleto, da carnefice a vittima il passo è breve.

La mia personalissima indagine dura da quattordici anni (da quando fui assunto) e terminerà quando andrò in pensione (mai?).
Nel mentre la classifica dei lavori più duri è in continuo aggiornamento anche se – in verità – al vertice resiste saldamente da sempre  il «collega-mostro» che tutti noi, prima o poi, incontreremo.

 

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Lavoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: