La sigaretta elettronica: nuovi dispositivi, vecchie (e pessime) abitudini?

A dispetto di molti stimati giornalisti, io ho la fortuna di essere l’editore di me stesso.
Questo insignificante dettaglio mi permette di pubblicare, liberamente e senza censura, le notizie che ritengo più interessanti (con l’unanimità dell’intera redazione, aggiungo soddisfatto!).

Così accadde anche in quel torbido 11 settembre 2012: lo scottante post Il fumatore (mal)educato provocò una forte indignazione in molti lettori. Il tempo di una tirata e la mailbox si saturò di commenti infuocati.
«Razzista» fu l’epiteto più gentile, gli altri appellativi li lascio agli onori della cronaca.

 

La sigaretta elettronica

Allora scrivevo:

Essere schiavi di una dipendenza provoca comportamenti distorti e spontanei: il fumatore accende la sigaretta in ascensore, nel bagno dell’ufficio oppure nella sala d’attesa dell’ospedale. Ai suo occhi risultano azioni ordinarie e non si preoccupa se infastidisce il prossimo. La sensibilità fisica e morale si riduce sostituita dalla necessità di soddisfare la propria assuefazione.”

Oggi, queste accuse, sono ancora molto distanti dalla realtà?

Sta di fatto che dalle ceneri di quell’articolo, qualcosa si è mosso: la sigaretta elettronica (per i più smanettoni, e-cigarette ) oggi è diffusa negli ambienti più disparati convincendo accaniti uomini-nicotina a rivedere secolari posizioni. La tecnologia-amica manda in fumo le vecchie, cattivi abitudini dell’uomo del passato, migliora la qualità della vita e reintegra il fumatore nel gruppo, non più costretto ad isolarsi per placare il desiderio di una boccata di sano smog.

E così il rozzo mozzicone viene sostituito da un elegante dispositivo a batteria ricaricabile, la combustione-cancerogena dal più ecologico vapore al sapore che ricorda “una sensazione simile a quella provata inalando il fumo di tabacco” (da wikipedia).

Tutto perfetto?
Non proprio.

Manca una precisa legislazione: è possibile utilizzare la e-cigarette in ambienti chiusi? Quali rischi corre l’e-fumatore? Esiste ancora il concetto di fumo passivo?
In attesa di risposta certe, a noi non-fumatori non resta che vigilare e denunciare comportamenti di cafonaggine, a prescindere se si tratta di sigarette tradizionali oppure di diavolerie elettroniche.

I tempi cambiano, la maleducazione resta.

 

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Società
2 comments on “La sigaretta elettronica: nuovi dispositivi, vecchie (e pessime) abitudini?
  1. GinPolo ha detto:

    Non si sa quanto sia innoqua e tendenzialmente sono una persona diffidente dai rimedi alternativi, ma come fumatore incallito, nella scelta di quello che potrebbe essere un “male minore”, fumo questa sigaretta elettronica da un anno e mezzo http://www.vaporeblu.it Ho recuperato fiato, non ho più la gola infiammata, la tosse é sparita! Adesso non mi resta che convincere mia madre a cambiare perché l’esperienza é nettamente inferiore alla sigaretta tradizionale, ma é efficace!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: