Ho adottato una buca killer

L’ho visto nascere, all’inizio di gennaio era piccolo ed indifeso ma, purtroppo, già presentava segni di instabilità precoce.
In poche settimane si è fortificato ed è cresciuto a vista d’occhio. Giorno dopo giorno si è rinvigorito attingendo alle risorse naturali: il vento e la pioggia autunnale l’hanno alimentato come una mamma attenta allatterebbe il suo poppante.

Oggi il «mostro» si presenta in tutto il suo splendore, colpisce anzitutto di notte quando, al buio, l’automobilista arranca.
L’asfalto dissestato è il suo habitat naturale, l’humus ideale per lo sviluppo in lunghezza e larghezza. Grazie all’indifferenza, conquista metri preziosi divenendo ben presto l’imperatore dello spazio circostante.

Il «mostro» si mimetizza come un camaleonte soprattutto dopo un’intensa pioggia: con la sua vorace bocca ingurgita litri d’acqua piovana che fungono da finto tappeto. Il malcapitato di turno, non potendo immaginare la presenza delle sabbie mobili, cade nella cruenta trappola e ci resta secco.

Io sono riuscito a schivare l’agguato perché sapevo dell’esistenza della voragine: è successo qualche giorno fa e lo ricordo come se fosse ora.

 

 

Adotta una buca: la voragine killer

 

A Napoli diluvia e un lago ricopre quell’infimo cratere. Con la mia Skoda viaggio per la via che costeggia le terme di Agnano, il luogo dove è nato, cresciuto e vive tutt’ora il «mostro». Lo vedo, lo riconosco, rallento con timore ma non posso non evitare la buca. Entro con la ruota anteriore destra nel fosso, scendo per mezzo metro, urto col la carrozzeria sull’asfalto che fa da cornice al burrone, accelero e riemergo dal baratro, miracolosamente senza danni.

Scampato il pericolo, accosto e chiamo immediatamente il 112: «intervenite subito, c’è un dirupo dopo prima c’era una strada. Potrebbe accadere un grave incidente …»
«Mandiamo subito i Vigili del Fuoco» mi rassicurano.

La sera torno sul luogo del delitto: una macchina dei Vigili Urbani con i lampeggianti ai quattro venti fa da sentinella al «mostro».
Il pattugliamento continua anche nelle ventiquattro ore successive.

Dopo qualche giorno, il «mostro» viene recintato ed oggi – dopo due settimane dalla segnalazione – è ancora vivo: nessuno ha provveduto a riparare la strada.

Dopo due mesi, ho deciso di adottare il «mostro».
Ogni giorno vado a trovarlo e mi accerto delle sue condizioni, se cresce bene, se necessita di aiuto oppure se qualche dipendente comunale lo ha minacciato.

Visto che non corre particolari pericoli, mi sono convinto e sto organizzando la festa per la sua prima candelina: site tutti invitati, chi ha distrutto la propria auto e chi si è salvato.
Lunga vita al «mostro»

 

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Disastri
3 comments on “Ho adottato una buca killer
  1. Hagane ha detto:

    E’ veramente mostruoso! E mi sembra che cresca molto bene… pure troppo. :/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: