La finale dei cento metri stile libero: un sogno quasi realizzato

D’avanti a me, fermo a bordo piscina, la distesa d’acqua azzurra, piatta, calma, trasparente.
Sei corsie di cinquanta metri ciascuna, ognuna assegnata ad un campione, la corsia numero tre (la centrale) spetta a me, di diritto.
La vasca è vuota, sugli spalti il pubblico rumoreggia in attesa dello start. I flash dei curiosi si mischiano alle urla di incitamento dei presenti, la mia famiglia è al completo ed attende con ansia il mio tuffo.

Indosso la cuffia verde, il colore della mia squadra poi tolgo l’accappatoio bianco, gesti automatici che si ripetono da sette mesi.

Eppure ricordo il primo giorno di allenamento come se fosse ieri: è sera, un vento gelido annuncia l’imminente pioggia, giro negli spogliatoi della Scandone chiedendomi perplesso: «ma cosa ci faccio quì?».

Fuori i primi lampi, dentro di me brividi ed incertezze. Poi la discesa in acqua, l’incitamento del mio infaticabile istruttore Gennaro – il Ian Thorpe napoletano -, i muscoli si risvegliano, le lezioni, il corso sempre più appassionante, i progressi, i primi sorrisi, la resistenza aumenta, la tecnica migliora.

«Non fa male, nuota, nuota, le gambe diritte! respira ogni tre bracciate!» … «vola, vola, vaiiiiiii Marioooooo!».

Dorso, stile libero e rana i miei preferiti, i tuffi dal trampolino (possibilmente senza panciate con post-tsunami) il prossimo obiettivo.

Un ragazzino impaziente bussa sulla mia spalla interrompendo bruscamente la corsa della mia fantasia; avrà dieci anni e spalle larghe come un nuotatore consumato, le sue parole infrangono lo specchio dell’immaginazione riducendolo in mille pezzi: «signore, vi spostate per favore? Dobbiamo iniziare la gara e fra poco tocca a me. La vostra lezione è stata rimandata fra un’ora».
«Certo, scusami …» farfuglio mentre tolgo la cuffia e rimetto l’accappatoio.

Abbandono il bordo piscina, non mi resta che osservare il ragazzino impertinente iniziare gli esercizi di riscaldamento.
I miei sogni di gloria al momento sono rinviati.

 

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Sport

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: