Walter Mazzarri, il Fergurson napoletano

Il calcio italiano è affetto da frenesia congenita ed i presidenti dei club sono gli esponenti più rappresentativi di questa patologia. Dalle Alpi alla Sicilia è un continuo valzer di allenatori, le vittime designate dal trita-calcio moderno. La storia insegna che nessuna squadra di serieA tollera il proprio mister per più di due o tre campionati di fila, poi si deve cambiare.

Se il club non raggiunge i risultati attesi, il presidente è autorizzato a silurare l’allenatore; al contrario, in caso di vittoria, è lo stesso mister a cambiare preventivamente aria prima di essere bocciato.
«Questione di stimoli», è lo slogan perfetto per liquidare e liquidarsi da una squadra e dai suoi tifosi, cioè da una città.

In questo ennesimo giro, il malcapitato di turno è il nostro Walter Mazzarri: la sua anima è in fermento, il dubbio è atroce ed il mistero fitto.
Andare via da eroe (magari nella Roma da rifondare) oppure restare e rischiare di vincere nel suo Napoli?
Il filo che separa la gloria dal fallimento è labile, il dubbio legittimo: prossimo capro espiatorio oppure nuovo San Gennaro al pari di Maradona e Bianchi?

 

Walter Mazzarri, il Fergurson napoletano

 

Ciò che non ha carpito Mazzarri è un concetto umano basilare: la forza di un allenatore non si evince dal numero di trofei alzati al cielo bensì nella costruzione della strada da percorrere insieme ai tifosi per raggiungere l’agognato traguardo. Il calcio è sogno, illusione, fedeltà, vittorie e sconfitte ma mai tradimento mercenario.

Le statistiche ci dicono che pochi allenatori hanno vinto qualcosa di veramente importante a Napoli.
Se, invece, si chiede ad un vecchio cuore azzurro: «quale allenatore ti è rimasto nel cuore?» si susseguiranno una serie di personaggi che – pur non arrivando mai primi – hanno regalato al popolo azzurro vere emozioni. Il Petisso Pesaola fece risorgere il ciuccio azzurro dall’ultimo posto per salvarlo dall’inferno della B, il leone Vinicio sfiorò lo scudetto, Marchesi e l’indimenticato Krol per una sfortunata partita col Perugia retrocesso.
Chi si ricorda del simpatico Albertino Bigon? Eppure ha vinto il secondo scudetto col Napoli di Maradona.

Fossi in Mazzarri non avrei dubbi: resterei sulla panchina azzurra un altro anno, poi ancora il successivo e poi ancora, ancora, ancora.
Le classifiche non dicono tutto, l’abbraccio eterno ai colori partenopei può trasformare il toscano nel Fergurson napoletano, il mitico allenatore seduto sulla panchina del Manchester United per ben ventisette anni.

Così Walter Mazzarri resterebbe per sempre nella storia del Napoli e di Napoli, a dispetto di coppe e scudetti.

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Sport

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: