[Recensione] Nel mare ci sono i coccodrilli

Immaginiamo di sorvolare con un elicottero il canale di Sicilia, la zona del Mediterraneo divenuta tragicamente nota per gli innumerevoli naufragi dei migranti.
Immaginiamo di intercettare un barcone proveniente dalle coste africane, stracolmo di extracomunitari in balia delle onde, guidati da trafficanti d’uomini senza scrupoli.
Immaginiamo il «solito» servizio al telegiornale delle venti: ennesimo dramma, affonda uno zatterone con centotrenta persone. Al momento i dispersi sono ottantadue, molti bambini e donne. Gli scafisti si confondono tra i migranti.

La morte di persone disperate che fuggono dalla guerra civile e dai regimi dittatoriali non è più una notizia che scandalizza. Assuefatti, cambiamo canale … meglio girare la testa, fingere che tutto sia normale e guardare i gol del mondiale brasiliano.

Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabiio Geda

Immaginiamo di possedere una lente d’ingrandimento e dall’alto del nostro elicottero la puntiamo verso una persona qualsiasi ammassata sopra quel maledetto barcone.
Lo zoom magico legge la storia dell’uomo e come in un film riviviamo le dolorosi fasi della sua esistenza fino alla decisione di scappare dal paese martoriato, abbandonare i propri affetti, investire i risparmi per affidare la Vita nelle mani di delinquenti cinici e violenti, viaggiare in condizioni bestiali verso un’esistenza incerta e dopo mille battaglie giungere finalmente nella moderna Terra Promessa, la nostra Europa, la nostra Italia.

Essere costretti ad assistere all’esecuzione di persone care, veder bruciare la scuola, scappare per sopravvivere, attraversare montagne, vivere nascosti in ghetti, subire lo sfruttamento giornaliero per raccattare spiccioli, dormire nei parchi pubblici, nascondersi nelle fogne cittadine, essere invisibili per la società normale e maltrattati da chi dovrebbe difenderti.
Nonostante tutto, resistere per raggiungere il sogno della libertà e sperare in un futuro possibile.

Ecco, il libro «Nel mare ci sono i coccodrilli» di @FabioGeda è un contenitore di emozioni, gesti di umanità, forza, coraggio, disperazione, fa riflettere e aiuta a comprendere.
Una testimonianza da cui partire per guardare con occhi diversi i migranti.

Da leggere in tutte le scuole.

 

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Guerre e terrorismo, Razzismo, TV e Media

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: