HP Pozzuoli, cronaca di un lunedì bollente (tra MIUR e MISE)

Con cuore al MIUR

Alle 11,34 l’esercito dei cento informatici di HP Pozzuoli svolta l’ultima curva romana.
Dopo quattro ore di un interminabile viaggio, nonostante i 40 gradi di un torrido lunedì (20) di luglio, il maestoso edifico del Ministero dell’Istruzione si erige dinanzi ad essi.

Sui loro volti sudati, leggo l’orgoglio.

Cento donne ed uomini provenienti dalle cinque province campane riunitosi alle 6,30 davanti i loro soliti uffici e partiti per la capitale, destinazione MIUR, uno dei più importanti clienti della società informatica americana per la quale lavorano da quasi vent’anni.

Armati di fischietti, volantini e striscione i cento ingegneri del software invadono viale Trastevere ed urlano la loro rabbia.

MIUR, i programmatori HP Pozzuoli controllati con curiosità dalla polizia

MIUR, i programmatori HP Pozzuoli controllati con curiosità dalla polizia

Dalla strada bollente, controllati a distanza da una squadra di poliziotti, si alza il suono della protesta che all’unisono perfora l’atmosfera e giunge fin dentro le fresche stanze dei funzionari ministeriali intenti a regolare l’aria condizionata.

Esistiamo.
Siamo 161 persone.
Guardateci in faccia.
Non siamo indirizzi e-mail per chiedere assistenza.
Non siamo recapiti telefonici ai quali affidarsi.
Non siamo una cifra visualizzata in un foglio excel.
Non siamo un errore da correggere in un bilancio aziendale.
Non siamo l’obiettivo da perseguire per un manager americano.
Non siamo 161 numeri di matricole da cancellare per «ridurre i costi».

Siamo professionisti dell’Information Technology, lavoriamo in HP Pozzuoli ed abbiamo realizzato le più importanti applicazioni per il MIUR: dal concorso docenti alle commissioni di esami, dagli applicativi per le frequenze degli studenti al TFR dei precari, dalle iscrizioni on-line alla fatturazione elettronica, dall’assistenza a tutti i fornitori delle scuole agli esami di stato …

MIUR, la protesta di HP Pozzuoli contro la chiusura della sede

MIUR, la protesta di HP Pozzuoli contro la chiusura della sede

Blocchiamo tutte le attività informatiche da dieci giorni per impedire lo smantellamento del sito di Pozzuoli, l’unica sede HP in Campania (insieme a Bari, l’unica nell’intero sud Italia).

Con la testa al MISE

Dopo il MIUR procediamo verso il Ministero dello Sviluppo Economico.
Dopo l’interpellanza parlamentare al ministro Guidi è previsto un incontro istituzionale al quale partecipano il sindaco di Pozzuoli, un funzionario del Comune di Napoli, un assessore della Regione Campania, le RSU, i sindacati ed i vertici aziendali per discutere sul futuro di HP in Italia.

E’ tempo di trattare, sangue freddo ed incrociamo le dita.

«HP conferma la chiusura della sede di Pozzuoli», sono le parole del sindaco di Pozzuoli, il primo ad uscire dal MISE ed aggiornare noi lavoratori raccolti sotto il ministero ed in attesa da quasi tre ore di conoscere il verdetto.

La doccia gelata è servita.

Torneremo a casa verso le undici di sera, diciassette ore dopo la partenza da Pozzuoli.
Distrutti, stanchi, incerti, viaggiamo lungo l’autostrada in due autobus vicini, quasi a darci forza a vicenda.

Aggiornamento

Il Ministro fissa un nuovo tavolo istituzionale per lunedi 27 luglio mentre noi lavoratori della sede di Pozzuoli continuiamo lo sciopero ad oltranza finché da HP non giungerà un segnale di apertura.

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , ,
Pubblicato su Lavoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 25 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

La storia prima di tutto

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: