Best Shore, come licenziare un italiano ed assumere tre indiani

Analizzo gli avvenimenti degli ultimi due mesi, i sessanta giorni che hanno stravolto la mia vita e quella dei 160 colleghi HP Pozzuoli (con relative famiglie).

Best Shore: un italiano vale tre indiani

L’annuncio della chiusura irrevocabile della sede napoletana avvenuta lo scorso 7 luglio per «ristrutturazione», segue una strategia industriale diffusa:il best shore.

HP utilizza il best shore: tre lavoratori indiani al costo di un lavoratore italiano

HP utilizza il best shore: tre lavoratori indiani al costo di un lavoratore italiano

L’emorragia dei bilanci (vera o presunta) oggi si combatte con la delocalizzazione (nel nostro caso, delocalizzazione informatica): in Italia il costo del lavoro è alto? Si sposta la produzione industriale nei paesi emergenti.

Il principio vale per i beni materiali (la costruzione di un auto) come per le risorse dematerializzate (la scrittura del software).

Il manager di Palo Alto – sede del quartier generale della Hewlett Packard – calcola: tre informatici indiani costano quanto un informatico italiano.

Best Shore, dov’è l’etica e la professionalità?

Tre lavoratori al prezzo di uno, è la globalizzazione bellezza!

La ricetta è  fin troppo facile: a parità di budget, triplico il team di lavoro e partecipo alle gare di appalto con offerte al ribasso.

Segue lo tsunami occupazionale: un altro pezzo di Italia chiude i battenti ed insieme alle catene di montaggio, call center e cervelli fugge oltre le Alpi con il beneplacito delle Istituzioni (nazionali e locali).

E la qualità del lavoro? L’assistenza? La soddisfazione del cliente?
Gli investimenti al Sud? Il rilancio del Mezzogiorno?
Spente le telecamere, a nessuno interessa il tema.
L’unico, inderogabile dio al quale obbedire è il cinico foglio excel del manager americano.

Mille sacrifici, zero risultati

Venticinque giorni di sciopero, sacrifici economici, due incontri al Ministero dello Sviluppo Economico, le promesse del Ministro Guidi, l’impegno della Regione Campania, l’appoggio del Sindaco di Napoli De Magistris e del primo cittadino di Pozzuoli Figliolia, la campagna mediatica per sensibilizzare l’opinione pubblica non sono serviti a nulla: HP continua la sua «missione esternalizzatrice».

Il punto sulla trattativa

HP Pozzuoli a breve chiuderà.
Noi, 161 dipendenti, valutiamo le seguenti tre opzioni:

  • alcuni fortunati resteranno in HP presso altra sede
  • i rimanenti verranno trasferiti in Matic Mind (piccola società IT)
  • chi rifiuterà il suddetto salto nel buio, cadrà nel pozzo della CIGS

La trattativa tra sindacati ed azienda continua, i dubbi si moltiplicano, l’assenza di criteri trasparenti genera entropia.

Per nostra fortuna abbiamo la pistola della CIGS puntata sulla tempia: vuoi vedere che tale minaccia «faciliterà» la decisione impossibile?

MMo

Sono nato a Napoli nel 1970, laureato in Matematica ed Informatico di professione, da sempre sono appassionato di tecnologia e di Internet, di sport e di ecologia, di cinema e di libri ... Mi piace mischiare le mie passioni e da questi minestroni nasce faCCebook.eu

Tagged with: , , , , , , , , ,
Pubblicato su Uncategorized

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scarica gratis l’app ufficiale di faCCebook!
«Gli ultimi giorni di HP Pozzuoli», scarica gratis l’ebook!

Inserisci la tua e-mail per ricevere le notifiche di nuovi articoli

Segui assieme ad altri 24 follower

Sponsor
Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Bike Sharing Napoli

Un nuovo sito targato WordPress

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

Monster's Blog

Sbatti il "mostro" in homepage!

Questione di... Social!

Susanna Moglia - Content Marketing | SEO | Social Media Marketing

Marco Freccero

Prima la storia, poi il lettore

apbeni

Just another WordPress.com site

DonneInsieme

Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

Lo Scrittore Maledetto

Non è tanto chi sei, quanto quello che fai, che ti qualifica

Gabriellaraffaele's Weblog

Grazie di aver visitato la mia pagina del blog

La Triquetra

Blessed are the stupid who can dream...

Il blog di Tonia Limatola

"Non siamo mai così privi di difesa, come nel momento in cui amiamo" S.Freud

Diemme - Ogni cosa è illuminata

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

Targato Gs o Cs

La vita secondo noi, giornaliste o croniste sfigate

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: